........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

Avviso di giacenza atti giudiziari: cosa fare? #adessonews

Il postino o un ufficiale giudiziario, se non riescono a reperire il destinatario di un raccomandata o di un atto giudiziario, non possono lasciare la busta nella cassetta delle lettere, data l’importanza delle comunicazione. I documenti, infatti, devono essere notificati nel modo corretto all’interessato, per potere avere una valenza legale. Ciò significa che è necessaria l’effettiva prova della consegna, o almeno del suo tentativo.

Proprio per questo motivo viene lasciato il classico cartoncino colorato, o ultimamente uno scontrino bianco, indicante l’ufficio postale o il luogo nel quale è stata depositata la comunicazione in attesa di essere ritirata. 

In passato era facile capire il mittente grazie ai cartoncini di colore diverso, in particolare:

Da un po’ di tempo, però, essi sono stati sostituiti da uno scontrino bianco, indicante solamente un codice identificativo e l’ufficio per il ritiro. Leggendo le informazioni con attenzione, comunque, è ancora possibile riuscire a capire di cosa si tratta.

Le prime cifre del codice identificativo possono contenere informazioni in merito al mittente e alla tipologia di comunicazione, ad esempio: 

Se l’interessato non riesce ad attendere il giorno successivo per provvedere a ritirare la comunicazione, può cercare di analizzare il codice identificativo riportato per capire chi gli ha inviato la busta. 

Leggi Anche: Atto giudiziario 787: quale può essere il contenuto?

In ogni caso, va sottolineato che, è possibile temporeggiare per un po’, per timore o per capire cosa possa essere successo, ma senza superare i termini previsti dalla legge, cioè:

  • 30 giorni perle raccomandate 
  • 180 giorni per documenti inerenti a processi civili, penali o amministrativi

In caso contrario la lettera verrà restituita al mittente per “compiuta giacenza” e potranno essere avviate le azioni previste.

L’avviso di giacenza di atti giudiziari

Dopo avere visto come verificare da subito il mittente della comunicazione, cerchiamo ora di capire cosa potrebbe essere successo, e che tipo di documenti potrebbe contenere la busta che si deve ritirare.

Leggi Anche: Compiuta giacenza: cos’è e quali sono gli effetti?

Innanzitutto bisogna considerare che solitamente il mittente è un giudice, una cancelleria o un avvocato, e che si tratta di informazioni particolarmente importanti. A volte tali documenti vengono consegnati direttamente da un ufficiale giudiziario.

Il loro contenuto riguarda procedimenti penali, civili o amministrativi, e si può trattare di:

  • ordinanze: con lo scopo di regolare una situazione in modo provvisorio mentre si attende la sentenza
  • decreti: provvedimenti presi al di fuori dell’udienza, ad esempio le misure cautelari
  • precetti: intimazioni di pagamento entro 10 giorni, pena il pignoramento dei beni
  • sentenze
  • convocazioni

Gli atti vengono notificati al destinatario per avvisarlo di alcune procedure in corso, e gli effetti si possono verificare anche se quest’ultimo decide di non ritirare il plico, sperando di non attivare i provvedimenti.

Si tratta di comunicazioni particolarmente importanti che possono essere consegnate in due diverse modalità:

Leggi Anche: Raccomandata atti giudiziari: i codici identificativi

  • direttamente a mano dall’ufficiale giudiziario. In questo caso se il destinatario non è presente o rifiuta di ritirare il plico, i fatti vengono descritti nella cosiddetta “relata”, e la notifica risulta compiuta da quel momento. Se il diretto interessato non è presente, comunque, la busta può essere lasciata anche a un familiare, convivente, vicino di casa, o portiere. In questo caso verrà inviata successivamente una Comunicazione di Avvenuta Notifica al destinatario per informarlo della consegna.​
  • tramite posta, e quindi con un avviso di giacenza di atti giudiziari, nel caso in cui il destinatario sia assente

Cosa succede se gli atti giudiziari non vengono ritirati?

Come abbiamo anticipato, se un individuo decide di non accettare o di non ritirare il plico, può rischiare davvero molto. Infatti gli effetti avranno comunque inizio, senza che egli si possa difendere adeguatamente. 

Leggi Anche: Avviso di giacenza: riconoscere i codici identificativi

La legge prevede infatti la cosiddetta “presunzione di conoscenza”, come stabilita dall’art. 1335 del Codice Civile:

La proposta, l’accettazione, la loro revoca e ogni altra dichiarazione diretta a una determinata persona si reputano conosciute nel momento in cui giungono all’indirizzo del destinatario, se questi non prova di essere stato, senza sua colpa, nell’impossibilità di averne notizia

Ciò significa che, se una comunicazione viene inviata al recapito indicato dal soggetto, si presume che egli possa conoscerne il contenuto. Ogni cittadino, infatti, è obbligato a indicare la propria residenza e domicilio proprio per questo motivo: per essere sempre rintracciabile.

Leggi Anche: Atti giudiziari: cosa sono e come vengono notificati?

Chi non ritira il plico, dopo avere ricevuto un avviso di giacenza, entro il termine previsto, viene considerato a tutti gli effetti come un individuo informato dei fatti.

Ad ogni modo si tratta di una presunzione juris tantum, in quanto può essere contestata dall’interessato dimostrando l’assenza di colpa, ad esempio per una assenza a causa di eventi particolari come un ricovero in ospedale, un viaggio o altro.

Comunicazione di Avvenuta Notifica

In merito all’avviso di giacenza degli atti, o meglio della loro notifica, sono state introdotte alcune novità con la Legge di Bilancio 2019.

Il cambiamento più significativo riguarda la CAN, la Comunicazione di Avvenuta Notifica, che era stata abolita nel 2018.

Ciò significa che, se la comunicazione viene consegnata a un soggetto diverso dal destinatario, quest’ultimo ha il diritto di ricevere una notifica in merito. In alcuni casi, infatti, può accadere che la persona che ha ritirato la busta si dimentichi di darne notizia al diretto interessato,

A partire dal 1 luglio 2019, inoltre, ci sarà la possibilità di ricevere un avviso in modo digitale

Novità: Atto MOF

Non è inusuale che dal 2022 alcuni ricevano nella cassetta postale questi nuovi avvisi di giacenza, denominati MOF: l’oramai ex Equitalia, oggi Agenzia delle Entrate Riscossione, ricorda al ricevente la presenza di atti ancora in giacenza.
Bisogna interpretare questi avvisi come un gesto di cortesia da parte delle Poste Italiane, in quanto ci ricorda che potremmo aver dimenticato di ritirare una cartella di pagamento oppure un atto giudiziario o di intimidazione.

Per riconoscere questo avviso ce lo dice la sigla identificativa con il codice T&T che va a sostituire l’identificativo 670 dell’ Ex Equitalia.

Source

“https://avvocato360.it/news/avviso-di-giacenza-atti-giudiziari-cosa-fare”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐
Clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.